mercoledì 4 dicembre 2013

Contabilità made in germany: lo strano caso della KfW

La Kreditanstalt für Wiederaufbau è un istituto di credito pubblico che sfugge alle statistiche sul deficit e sul debito e se necessario non si tira indietro quando il governo ha bisogno di nascondere un po' di deficit. Da blog di Bill Mitchell
C'è un'istituzione che è posseduta al 100% dal governo. Prende a prestito miliardi di Euro e i suoi debiti sono garantiti al 100% dal governo federale. Spende, nel senso che presta ogni anno miliardi ad un tasso di interesse molto basso ad ogni tipo di azienda o organizzazione e costruisce perfino infrastrutture. E' titolare di azioni (fornisce capitale) in numerose imprese. Non paga tasse perché ha lo stesso status della banca centrale. Non è un'anatra, ma somiglia ad un'organizzazione fiscale governativa. Benvenuti nella Kreditanstalt für Wiederaufbau (Istituto di credito per la ricostruzione) oppure meglio conosciuta come KfW. Questa banca è stata creata nel 1948 come un veicolo tedesco per facilitare la ricostruzione delle infrastrutture durante il Piano Marshall. Sin da allora è cresciuta (e si è diversificata) in una delle piu' grandi banche tedesche pompando miliardi di Euro nell'economia domestica e nel settore dell'export (attraverso l'IPEX, una sua controllata al 100%). E' la ragione principale per cui in Germania il rapporto deficit/pil è all'80% invece di essere vicino al 100%. E' uno dei motivi per cui il deficit federale è stato ridotto senza danneggiare l'economia tedesca. E' una storia di contabilità fatta di pistole e specchi, ovviamente made in Germany.

Secondo la legge che regola la Kreditanstalt für Wiederaufbau:

"Il capitale nominale della KfW ammonta a 3 miliardi e 750 milioni di Euro. La repubblica federale (Bund) partecipa al capitale nominale per un ammontare di 3 miliardi di Euro, e gli stati federali (Länder) per un importo di 750 milioni di Euro"

Cosi' l'80 % è posseduto dal governo federale e il 20% dai Laender.

L'articolo 1 sulle garanzie della Repubblica federale:

"La repubblica federale garantisce tutte le obbligazioni della KfW in relazione ai prestiti erogati e al debito emesso dalla KfW, agli altri crediti concessi alla KfW nonché i crediti concessi a terzi nella misura in cui sono garantiti dalla KfW"

Non necessariamente risk-free visto che la Germania in teoria ha un rischio default come risultato dell'uso dell'Euro, una moneta straniera.

All'articolo 2 scopriamo che la KfW ha un ampio spettro di soggetti a cui presta, che include "piccole e medie imprese, liberi professionisti, e start-up", "housing", "protezione ambientale", "infrastrutture".

L'articolo 4 indica che puo' "emettere debito e concedere prestiti".

La società è gestita da un comitato esecutivo "nominato e revocato" dal consiglio di amministrazione e vigilanza (articolo 6).

Indovinate chi è l'onnipotente presidente del Board di sorveglianza? 

Niente meno che il giocatore di sudoku e ministro delle finanze Dr. Wolfgang Schäuble. Il board è pieno di ministri del governo federale, fatto normale visto che la banca è di proprietà dello stato.

Altre caratteristiche dello status giuridico della KfW:

1) Non distribuisce alcun profitto ma alloca le eccedenze in riserve assegnabili agli azionisti (pubblici), (articolo 10).

2) Ha lo stesso status della banca centrale in matera di tasse - vale a dire, non le paga.

La KfW è dunque inequivocabilmente un ente statale che fornisce prestiti ad un tasso piu' basso rispetto a quello di mercato, visto che le sue obbligazioni sono considerate sullo stesso livello di rischio rispetto a quelle emesse dal governo tedesco.

E' una delle banche tedesche piu' grandi, nel 2012 aveva attivi per 510 miliardi di Euro. 

Anche altri paesi hanno banche per lo sviluppo di proprietà statale. In Italia c'è la Cassa Depositi e Prestiti (CDP), in Francia la Banque publique d’investissement (BPI). 

Ci sono tre ragioni principali per guardare da vicino alla KfW:

1) Ha avuto un ruolo importante nella privatizzazione di Deutsche Telekom, servita al governo tedesco per uscire da una imbarazzante procedura per disavanzo eccessivo nel 2004. 

2) Sta certamente giocando un ruolo importante sin dall'inizio della crisi in qualità di agente fiscale del governo: permette a quest'ultimo di registrare un deficit ed un livello di indebitamento piu' bassi

3) Recentemente ha concluso un accordo con il governo irlandese che ha coinciso con l'annuncio fatto dal governo di Dublino di voler uscire dal programma di salvataggio che stava crocefiggendo la sua economia.

10 commenti:

  1. non ce l'ho fatta a terminare la traduzione, prosegue in inglese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad ogni modo grazie per tutto l'impegno che ci metti.

      Elimina
    2. Grazie comunque!
      Piacerebbe avere amministratori scaltri come i tedeschi...

      Elimina
  2. Great piece of writing, I really liked the way you highlighted some really important and significant points. It is really informative and quality of the content is extraordinary. Thanks so much, I appreciate your work.


    Contabilità On Line

    RispondiElimina
  3. bene o male che sia la KfW, io da italiano che vive in germania sto lavorando e studiando, e la KfW mi "passa" 650€ al mese come prestito per finanziare i miei studi, con un interesse bassissimo e inizieró a ripagare con 100€ al mese UN ANNO DOPO il conseguimento della laurea,,,

    RispondiElimina
  4. @spazzan1 certo è una bella fortuna ma se cercano di fare la stessa cosa in Italia, tramite la cassa depositi e prestiti, interviene Schauble o Weidmann o qualche cameriere di Bruxelles dicendo che giochiamo sporco ed impedendoci di attuare tali politiche,che, al contrario, loro stessi, come puoi vedere, attuano bellamente e fregandosene. Tra le altre cose, se proviamo a farlo noi, ci dicono che viviamo al disopra dei nostri mezzi...
    Io comunque guadagno 6,50 euro l´ora(brutto!), infatti non mi é stato concesso alcun prestito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi vivi in Germania? 6,50 euro lordi mi sembrano davvero pochi...

      Elimina