sabato 29 aprile 2017

FAZ: la BCE a tutto gas

Puntuale, dopo ogni riunione della BCE, dalla FAZ arriva il solito attacco a Draghi. L'accusa è sempre la stessa, spingere al massimo la politica monetaria della BCE per aiutare i paesi indebitati del sud-Europa. Da FAZ.net



La BCE non ha nessuna intenzione di uscire dalla politica monetaria ultra-espansiva. Le colombe nel consiglio direttivo della BCE vedono rischi ovunque, per questo è necessario premere sull'acceleratore fino al massimo dei giri. Cosi' la BCE, da qui alla fine dell'anno, vuole pompare un altro mezzo trilione di Euro e lasciare i tassi di interesse a zero per un lungo periodo. Perchè?

L'economia è sempre piu' forte, alcuni indicatori di fiducia sono ai livelli piu' alti degli ultimi sei anni. Inoltre, l'inflazione non è cosi' lontana da quel 2% che la BCE si era posta come obiettivo, anche se l'aumento finora è da ricondurre per lo piu' al prezzo del petrolio. La crescita dei salari e degli altri fattori di costo puo' rafforzarsi.

Il presidente della BCE con le sue continue procrastinazioni non è per niente credibile. Non c'è alcuna ragione per avere oggi una politica della banca centrale molto piu' espansiva di quella praticata al culmine della crisi finanziaria. La BCE dovrebbe ridurre gli acquisti di obbligaazioni. O forse non si tratta in realtà solo del fatto che paesi fortemente indebitati - come ad esempio l'Italia - sono dipendenti dall'aiuto discreto della BCE?

Nessun commento:

Posta un commento