lunedì 22 ottobre 2018

Flassbeck: l'Italia verso la tempesta perfetta (creata appositamente per affondare il governo)

Il grande economista Heiner Flassbek su Makroskop ci spiega perché sull'Italia si sta addensando una tempesta perfetta e perché questa volta il governo tedesco preferisce tenere un basso profilo e lasciare il lavoro sporco alle istituzioni europee. Per Flassbeck in questi giorni stiamo assistendo al funerale della socialdemocrazia europea: l'ultimo socialista francese con un incarico politico importante che per qualche decimale di deficit diventa il boia di un paese che sta cercando di uscire da una lunga crisi economica. Ma se i socialisti francesi sono a un passo dall'estinzione, per Flassbeck non è un caso. Da Makroskop un ottimo Heiner Flassbeck


Il fatto che l'ultimo socialista francese con un alto incarico politico, sia il anche il boia dell'Italia, è più che tragico. Ci mostra il modo in cui alla fine i socialdemocratici cadranno in rovina: per la paura che hanno del neoliberismo.

Pierre Moscovici, che nel suo ruolo di Commissario europeo per gli affari economici e finanziari potrebbe essere l'ultimo socialista francese a ricoprire un alto incarico politico, insieme al vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, ha scritto una lettera. Nel testo inviato al Ministro delle finanze italiano, in risposta al progetto di bilancio del governo, Moscovici scrive che rispetto ai tagli concordati, nella bozza di bilancio sarebbe presente una deviazione senza precedenti nella storia del Patto di stabilità e crescita. Entrambi danno tempo al governo italiano fino ad oggi pomeriggio per rispondere.

E' roba forte, ed è chiaro il significato: la Commissione, sotto la guida di un commissario francese, che appartiene a un partito ormai defunto chiamato Parti Socialiste, vorrebbe fare dell'Italia un esempio. E dal momento che la BCE non sta facendo nulla per frenare i  cosiddetti "mercati", dove la speculazione sui titoli di stato italiani va avanti, sopra il governo italiano si sta addensando una tempesta perfetta. Non c'è dubbio che questa tempesta abbia l'obiettivo di indebolire il governo italiano appena eletto o almeno di intimidirlo abbastanza da farlo rientrare all'interno della "disciplina" europea.

Chi ha preparato la tempesta perfetta?

Si può essere certi del fatto che la preparazione di questa tempesta sia avvenuta in maniera concertata e che il governo tedesco vi sia decisamente coinvolto. È davvero incredibile come ormai da settimane da parte del governo tedesco sul caso italiano si senta molto poco. A parte un'intervista relativamente moderata del ministro federale delle finanze, dal governo tedesco o dai partiti che lo sostengono, sull'Italia non si sono registrate praticamente altre uscite significative. Anche se i media  tedeschi "mainstream" da settimane commentano con la bava alla bocca, la politica è rimasta sorprendentemente silenziosa. Questo può solo significare che nel governo tedesco e al vertice dei partiti c'è un accordo: in considerazione dell'atmosfera anti-tedesca presente fra la popolazione italiana, questa volta il lavoro sporco sarà lasciato alle istituzioni europee, invece di farlo fare ai brutti tedeschi

Sicuramente anche la BCE è stata pienamente coinvolta, e data la sua posizione legale (divieto di finanziamento agli stati), la massiccia pressione politica e il fatto che al vertice si trova un italiano, non avrà altra scelta che fare quello che da lei ci si aspetta, cioè restare passivamente in attesa e lasciar fare i "mercati". Anche i critici della BCE dovrebbero essere consapevoli che nonostante la resistenza dei tedeschi e contro la giurisprudenza tedesca, la Corte di giustizia europea non ha classificato l'intera operazione del Quantitative Easing come un finanziamento pubblico, semplicemente perché la BCE è riuscita ad argomentare in maniera convincente che questo programma doveva essere considerato uno strumento di politica monetaria, in quanto aveva l'obiettivo di evitare la deflazione in tutta l'eurozona. Un intervento a favore di un paese, che è esattamente ciò che sarebbe necessario vista la speculazione sulle obbligazioni italiane, dati gli ostacoli giuridici, non potrebbe in alcun modo essere realizzato.

Cosa dovrebbe fare l'Italia?

È difficile prevedere il modo in cui il governo italiano reagirà. Soprattutto in considerazione delle numerose voci che anche in Italia mettono in guardia dall'avviare un percorso che si concluderebbe con un'uscita dall'Italia dall'euro e in cui il Movimento 5 Stelle in particolare, che ha scarse competenze economiche al proprio interno, potrebbe uscirne indebolito. Tuttavia, nel merito della questione, è certo che un cedimento avrebbe  degli effetti fatali per l'Europa.

Le vie d'uscita dell'Italia dalla crisi sono legalmente impossibili, bloccate da altri paesi oppure impraticabili per ragioni di cui l'Italia non è responsabile. La strada verso l'aumento dell'avanzo commerciale con l'estero, percorso sul quale in passato l'Italia ha avuto successo, nell'unione monetaria non è piu' possibile, perché da anni la Germania attraverso  il suo dumping salariale e grazie ad una posizione competitiva decisamente migliore impedisce ogni tentativo in questa direzione. Tagli salariali assoluti, non diversamente dalla Grecia, porterebbero al collasso del già debole mercato interno e farebbero aumentare immediatamente la disoccupazione.

Le possibilità offerte dalla politica monetaria sono da tempo esaurite, sia per l'Italia che per tutta l'Europa, e non ci si può certo aspettare una soluzione da parte delle aziende, o dal "mercato". Inoltre, anche in Italia, le imprese sono dei risparmiatori netti, il che significa che invece di migliorarla, contribuiscono a peggiorare la situazione complessiva della domanda. In questa situazione logicamente resta solo lo stato, vale a dire il solo che grazie a spese e deficit crescenti potrebbe provare a portare il paese fuori da una crisi che dura ormai da anni. Chiunque blocchi questo percorso, politicamente o legalmente, è un folle.

La fine della socialdemocrazia

Il fatto che la socialdemocrazia in Europa da anni non sia piu' in grado, oppure non sia disposta, ad appropriarsi di un contesto così chiaro e ad usarlo politicamente, dimostra che i loro giorni sono contati. Né i socialisti francesi né i socialdemocratici tedeschi (e molti altre "sinistre", in particolare i Verdi) si oppongono alla follia neo-liberista, perché già diversi decenni fa non sono riusciti a fondare il loro programma su una base macroeconomica ragionevole. La loro paura del Keynesianismo con i suoi "debiti" era talmente grande che hanno preferito scegliere la variante codarda dell'arruffianamento al mainstream.

Oggi che quella dei "debiti" è diventata una questione esistenziale per le nazioni e per l'Europa, la vendetta è amara. Un partito in grado di affrontare con sicurezza questo problema e tematizzare il nuovo mondo economico avrebbe sin dall'inizio un enorme vantaggio intellettuale rispetto ai suoi concorrenti. Poiché si tratta di considerazioni puramente logiche e non di una "teoria", un partito (o un movimento!) potrebbero facilmente comunicarlo anche a una popolazione scettica, e spiegare agli elettori il modo in cui il cittadino comune spesso viene ingannato dai cosiddetti benpensanti. Ma evidentemente manca il coraggio e la capacità di comprendere tre semplici passaggi logici. Chi sceglie di affondare in questo modo, evidentemente non meritava di meglio.



-->

9 commenti:

  1. La Krande Cermania, viva il Made In Germany, BMW dovra' ritirare piu' di 1 milione di auto diesel perche' si incendiano, ahahahaha :) !?
    Luca il PATRIOTA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Richiamare" tordo...non ritirare! E' operazione usuale nel settore autoveicoli. E non perché si incendiano ma per operazione preventiva di sicurezza.

      Elimina
    2. E' inutile che difendi i Kartoffen piddino perdente di un Cocuccio faccia da ebete, sono indifendibili dopo la truffa del diesel gate, la BMW sara' costretta a richiamare 1,6 milioni d'auto per rischio incendio evviva la qualita' del made in germany ahahahah ;) senza dimenticarsi della truffa-evasione fiscale dei CUM-CUM CUM EX rubando alla Francia 17 miliardi € e 4,5 all'Italia ce li ridiano ma ormai la Krande Cermania ha rovinato la sua reputazione :) !!!!!
      Luca il PATRIOTA

      Elimina
    3. Quale difesa, cercavo di eliminare una piccola parte della tua immensa ignoranza. GM ha richiamato recentemente 1,2 milioni di veicoli, Ford 550 mila per citare quelli recenti di pochi mesi or sono, ma se cerchi ne trovi a iosa, ad esempio quello della Renault Scenic o potrei citare anche quello della mia Citroen che ha comportato ben 15 minuti in officina per una taratura del software per una azione preventiva riguardante gli airbag. Lo scandalo Volkswagen non se l'è filato nessuno tranne gli scemotti dato che il gruppo ha conquistato comunque la prima posizione nella classifica dei produttori mondiali. BMW è un produttore del quale tu puoi solo sognare un suo modello o sperare nell'eredità di qualche lontano parente emigrato oltreoceano.

      Elimina
    4. https://www.alvolante.it/news/affidabilita-motori-tedesche-sono-messe-male-333520

      Elimina
    5. https://forum.quattroruote.it/threads/cambio-dsg-7-a-secco-hanno-risolto-i-problemi.112429/

      http://www.vwgolfcommunity.com/vbulletin/showthread.php?33372-Golf-7-Rumori-Problemi-DSG-7-Marce/page195

      http://www.vwgolfcommunity.com/vbulletin/showthread.php?17797-Il-DSG-7-%E8-affidabile-e-valido-o-no

      https://www.metanoauto.com/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=444725

      https://www.sicurauto.it/news/escalation-della-fabbrica-cina.html

      in europa la gente ancora si chiede se hanno risolto i problemi ... in cina glieli han fatto ritirare ed aggiustare...

      non parliamo poi dei problemi agli iniettori sul 2.0 tdi iniettori pompa (la versione successiva a quella che crepava la testata a 100.000km)
      https://forum.quattroruote.it/threads/iniziativa-class-action-iniettori-passat.43902/

      https://www.vwgolfclub.it/forum/index.php?/topic/98197-23h9-richiamo-passat-bkp-iniettori-difettosi/


      Quel motore rompevano ad uno ad uno gli iniettori e pur riconoscendo il difetto la vw si rifiutava di cambiarli tutti in garanzia lasciando l'utente con il rischio che gli si spegnesse il motore in marcia fino a che non è stata minacciata una class action...
      non parliamo poi del famigerato bmw 2.0 n47

      https://www.bmwnews.it/bmw-n47-facciamo-chiarezza-sulla-sua-catena-distribuzione/

      https://www.bmwnews.it/problema-catena-di-distribuzione-propulsore-n47-ecco-le-procedure/

      https://www.bmwnews.it/bmw-n47-aggiornamenti-sulla-problematica-catena-di-distribuzione/

      Elimina
  2. Indipendentemente da Flassbeck ho fatto un'analisi analoga, tenendo conto che a gennaio cambia il governatore della BCE. Inoltre, sebbene sia vero che i partiti di Gianni e Pinotto siano ormai defunti, nessuno ci dice che a prenderne il posto non siano partiti con nomi diversi e stesse intenzioni, come già avvenuto in Francia con Macron e in Spagna con Sanchez. Stavolta ci cancellano sul serio...

    RispondiElimina
  3. Vedremo chi la spunterà , se , noi o loro , per me l'Italia e gli Italiani sono più forti di quello che loro pensano , ma soprattutto non sono disposti a farsi sottomettere mangeremo pane e latte per un po ma mai ci faremo sottomettere da quei 4 bastardi che pensano di arrivare a comandare il mondo , finora hanno vinto delle battaglie col permesso di un governo precedente a quello di adesso , che gli si era sottomesso per interessi propri , ma adesso basta ci sono altre persone al comando , ma soprattutto , il POPOLO ha capito con chi ha a che fare . Questo per fargli capire che , la GUERRA la vinceremo NOI !!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Spettacolo, bell'analisi.

    RispondiElimina