martedì 7 marzo 2017

I dati sulla disoccupazione tedesca sono credibili?

Sono in molti a ritenere che i dati sulla disoccupazione tedesca siano "abbelliti" dal governo, Der Spiegel prova a spiegare le reali dimensioni della disoccupazione in Germania. Da Der Spiegel


Ogni mese l'Agenzia Federale per il Lavoro (Bundesagentur für Arbeit, BA) pubblica i dati mensili sulla disoccupazione, lo ha fatto anche mercoledi' scorso. E ogni mese l'opposizione e le parti sociali rilanciano la stessa critica di fondo: i dati sono stati abbelliti, i senza lavoro in realtà sarebbero molti di piu', ma il governo usa dei trucchi per farli sparire dalle statistiche ufficiali.

E' vero? La statistica ufficiale dà un quadro eccessivamente ottimistico del mercato del lavoro? La risposta: Sì e No.

Si', perché in realtà ci sono molte piu' persone senza un lavoro rispetto a quelle ufficialmente "disoccupate" secondo i dati della BA.

No, perché la BA ogni mese pubblica accanto al dato ufficiale un altro dato - che non nasconde -, e che ci dà un quadro più' realistico del mercato del lavoro. E anche perché le stime ufficiali supplementari, necessarie per avere un quadro completo dei dati sulla disoccupazione, sono accessibili senza problemi su Internet.

1 - La disoccupazione ufficiale

E' il codice della previdenza sociale (Sozialgesetzbuch) a indicare chi deve essere considerato ufficialmente disoccupato:

- chi si è registrato come disoccupato all'ufficio del lavoro (ed è disponibile per le loro intermediazioni) e

- non lavora oppure lavora meno di 15 ore la settimana ed

- è in cerca di un lavoro con assicurazione sociale

In linea di principio questi criteri non sarebbero l'ideale per cercare di abbellire i dati sulla disoccupazione. Lo mostra il confronto con gli standard dell'ILO (International Labour Organisation), un'organizzazione dell'ONU: secondo gli standard ILO è sufficiente un'ora di lavoro alla settimana per essere considerato economicamente attivo e scomparire dalle statistiche. In Germania al contrario anche chi lavora 14 ore la settimana viene considerato disoccupato.

Nel febbraio 2017 questi criteri erano soddisfatti da circa 3.76 milioni di persone. Nonostante cio' il numero ufficiale dei disoccupati è di circa 2.76 milioni, un milione in meno.

Disoccupazione ufficiale febbraio 2017

2 - Sottooccupati

Come si è visto, circa un milione di persone in Germania non vengono considerate ufficialmente disoccupate, anche se rientrerebbero nei criteri sopra-indicati: sono considerate sottooccupate. Fra questi ci sono:

- chi partecipa ad una qualche forma di politica attiva per il mercato del lavoro, oppure

- persone temporaneamente malate (si prevede tuttavia che in futuro saranno in grado di lavorare), oppure

- chi ha superato i 58 anni e percepisce un sussidio Hartz IV


Fra le misure di politica attiva per il mercato del lavoro ci sono ad esempio:

- attivazione e integrazione: training per la scrittura delle candidature

- formazione: aggiornamento professionale

- sostegno agli stranieri: corsi di lingua e corsi di integrazione

Per una parte relativamente piccola di questo gruppo sembrerebbe ragionevole l'esclusione dal calcolo del numero di disoccupati - come per le circa 19.000 persone che hanno un lavoro e per le quali il datore di lavoro riceve un contributo dall'Arbeitsamt (sono considerati nel gruppo "altre misure", "weitere Maßnahmen"). Ed è solo con molta buona volontà che si possono tenere fuori dal calcolo sui disoccupati i partecipanti ai corsi di lingua e di integrazione (considerati alla voce "sostegno agli stranieri" o "Fremdförderung"), come accade per una parte dei rifugiati arrivati in Germania nel corso del 2015.

La stragrande maggioranza degli "altri sottooccupati", tuttavia, sono senza ombra di dubbio disoccupati:  lo sono ad esempio i partecipanti ad un corso di formazione sulla scrittura delle candidature della durata di 2 settimane, oppure i percettori di un sussidio Hartz IV con un "Ein-Euro-Job". E la regola secondo cui i percettori di Hartz IV oltre i 58 annni e disoccupati da oltre un anno spariscono dalla statistica è puro abbellimento.

Alla luce di queste considerazioni, nel febbraio 2017 i disoccupati non sarebbero 2.76 milioni, bensi' 3.76 milioni.


Non si puo' tuttavia accusare la BA di voler nascondere questi dati. Vengono pubblicati - insieme ai dati ufficiali sulla disoccupazione - nella categoria dei sottooccupati. A febbraio 2017 i sottooccupati erano 3.76 milioni, fra questi ci sono anche coloro che hanno avviato una nuova attività e ricevono un contributo della BA. 

Tuttavia anche questo dato non dà un quadro completo della dimensione complessiva della disoccupazione

3 - Riserva silenziosa

Alla cosiddetta riserva silenziosa appartengono le persone che non sono ufficialmente registrate come disoccupate all'ufficio del lavoro - ma che  sarebbero comunque disposte ad accettare un posto di lavoro. Questo vale ad esempio per le persone che fino ad ora non hanno mai lavorato e che non hanno alcun diritto ai sussidi di disoccupazione, perché ad esempio il coniuge guadagna troppo. Un altro gruppo sono coloro che per rassegnazione hanno abbandonato la ricerca di un lavoro, ma che riprenderebbero a lavorare se ci fossero posizioni disponibili nel loro settore.

Quante siano le persone che appartengono alla riserva silenziosa non puo' essere calcolato con precisione, poiché non sono stati registrati come disoccupati. Il loro numero tuttavia puo' essere stimato, per farlo ci sono diversi metodi. Sul tema l'Ufficio di Statistica Nazionale arriva a conclusioni diverse rispetto all'Agenzia Federale per il Lavoro. Un esempio: nel 2012 lo IAB, l'istituto di ricerca dell'Agenzia per il lavoro, calcolava 567.000 persone in questa condizione - secondo altre stime piu' recenti sarebbero solamente 232.000.

A differenza dei sottooccupati, nel caso della riserva silenziosa, è quindi ragionevole che la BA le escluda dalle statistiche sulla disoccupazione - semplicemente non è possibile conoscere, neanche lontanamente, il loro numero. Tuttavia esistono, e anche le persone nella riserva silenziosa sono a tutti gli effetti dei disoccupati. 

Per il 2017 lo IAB stima una riserva silenziosa di 271.000 persone. Nel grafico seguente è inclusa nel calcolo - deve essere considerata come un'approssimazione, non come una cifra esatta.


Nel febbraio 2017 in Germania c'erano quindi circa 4 milioni di persone disoccupate - e non 2.76 milioni, come riportato dai dati ufficiali sulla disoccupazione. 

La situazione attuale, tuttavia è decisamente migliore di quella di dieci anni fà. Perché anche allora le regole secondo le quali le persone venivano escluse dalla statistica erano fondamentalmente le stesse - il pregiudizio diffuso, secondo cui le statistiche sulla disoccupazione sono permanentemente manipolate dal governo è falso. Il grafico seguente mostra come la disoccupazione a partire dal 2005 sia diminuita - dai circa 6.5 milioni di disoccupati di allora, ai poco meno di 4 milioni di oggi.


Nessun commento:

Posta un commento