giovedì 20 dicembre 2012

La Transferunion e i socialisti di Brüssel


La Transferunion agita il sonno della stampa conservatrice: il contribuente tedesco è sotto assedio, stiamo andando verso una nuova forma di socialismo. Da WirstschaftsWoche

Brüssel vuole estendere l'unione di trasferimento. Il piano è eclatante. Gli oneri per la Germania nei prossimi anni cresceranno ulteriormente.

E' difficile da capire. Dopo lunghe trattative il bilancio EU non è ancora operativo e già a Brüssel si lavora a un nuovo programma di redistribuzione. Questa volta pero' in ballo c'è molto di piu' e il presidente Van Rompuy ha già un piano per il contribuente tedesco.

La parola chiave è "capacità fiscale" (Fiskalkapazität). Sotto questo pseudonimo a Brüssel si discute sull'ampliamento della già ben avviata unione di trasferimento europea. E si procede alla svelta. Uno per tutti, tutti per uno. Ovviamente Brüssel non è ancora soddisfatta degli enormi effetti redistributivi di lungo periodo dell'unione di trasferimento. Un'altra parte del gettito fiscale tedesco dovrà essere redistribuito in Europa.

Secondo un documento preparato da Van Rompuy sulla trasformazione dell'unione monetaria, dal 2014 la cosiddetta "capacità fiscale" dovrà funzionare come ammortizzatore per gli shock economici. Le somme in discussione sono ancora modeste. Ma potrebbero crescere in futuro a seconda delle necessità. Per la capacità fiscale sono in discussione due modelli di base. In un modello i trasferimenti dipendono dalla rispettiva posizione nel ciclo economico. Uno stato in boom paga, uno in recessione riceve denaro.

I criteri di trasferimento sono decisi a Brüssel. Anche all'ultimo eurofilo dovrebbe essere chiaro come ragionano i burocrati di Brüssel. Gli unici capaci di trasformare l'europa in un parco giochi per la creazione di una società socialista. Gli imprenditori in questo modello diverrebbero una specie in via di estinzione.

Ma c'è ancora di piu'. Nel secondo modello i pagamenti in entrata e in uscita dipendono dal mercato del lavoro. La capacità fiscale funziona come integrazione alle assicurazioni nazionali contro la disoccupazione. In altre parole: chi si trova in crisi a causa di una politica economica sbagliata, riceve denaro. Chi invece applica politiche economiche di successo, dovrà pagare. Un sistema simile l'abbiamo visto all'opera una volta soltanto, fino ad ora.

Evidentemente a Brüssel nessuno ha intenzione di imparare dalla Eurocrisi. E perchè il contribuente tedesco dovrebbe essere arrabbiato e lamentarsi con Brussel?  E' Berlino stessa  ad essere responsabile. Anche se ora la Cancelliera impaurita cerca di fare marcia indietro. E' stata proprio lei ad aver sostenuto in ottobre il concetto di capacità fiscale, dopo la  presentazione della prima relazione. Il suo principio di "solidarietà europea e controllo" a Brüssel è stato solo reinterpretato in maniera nuova. 

Van Rompuy troverà sicuramente nel 2013 un numero sufficiente di sostenitori per i suoi piani. I vantaggi sono cosi' evidenti. La Germania pagherà per la solidarietà europea, mentre le decisioni sull'utilizzo del denaro saranno prese nella socialista Brüssel. Ebbene: Fröhliche Weihnachten und ein gutes neues Jahr!

5 commenti:

  1. Ma quale transferunion! E' "condizionalità" disattivatrice delle Costituzioni e dei diritti fondamentali (specialmente dei paesi debitori). Chi "applica politiche economiche giuste" deve pagare? Ma no cari, chi applica politiche economiche di svalutazione competitiva dei tassi di cambio reale, mediante deflazione salariale, darà esattamente lo stesso contributo, in rapporto al PIL )o anche meno, di chi tali politiche anticooperative, deve subire. Il danno e la beffa.
    La smettessero col piaghisteo i tedeschi, visto che la "condizionalità" e la svendita dei patrimoni dei paesi loro debitori la chiede, direttamente alle istituzioni UE, proprio la "loro" deutschebank
    http://icebergfinanza.finanza.com/2012/06/20/achtung-deutsche-bank-privatizzazionen/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il prof. Savona ci spiega che nel sud d'italia si ricevono 45 mld l'anno ma il Nord sotto forma di domanda ne riceve 70..
      la solita falsa retorica

      Elimina
  2. Comunque c'è da dire che questo articolo esprime bene la possibilità di collaborazione nell'eurozona. E c'è chi ancora spera negli USE.

    RispondiElimina
  3. http://www.krisenvorsorge.com/deutschland-mit-groesstem-billiglohnsektor-in-europa/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Domenico, molto interessate, proverò a tradurre.:)

      Elimina