giovedì 9 maggio 2013

Hans Werner Sinn: serve una unione monetaria aperta


In una recente intervista a Die Welt, il grande economista tedesco torna a rilanciare l'unione monetaria aperta: i membri in difficoltà devono poter uscire, svalutare, fare le riforme e tornare nella moneta unica con il supporto della comunità internazionale. 
Secondo Hans-Werner Sinn la maggior parte delle decisioni politiche prese durante la crisi Euro è sbagliata. Ed è certo: la Grecia sarebbe già fuori pericolo - se nella primavera del 2010 avesse dichiarato l'insolvenza.

Gli economisti pensano in maniera sistemica, purista. La politica deve trovare compromessi in una realtà contraddittoria. Gli economisti riescono ancora a capire i politici senza concludere che il politico pensa solo alla sua rielezione?

Che un politico pensi a farsi rieleggere non è fondamentalmente sbagliato. Il problema è  che le frequenti elezioni in Germania premiamo il populismo di breve periodo e trasformano la politica in una manovra tattica. L'effetto è rafforzato ulteriormente dai sondaggi settimanali. Sarebbe una buona idea dare ai genitori il diritto di voto anche per i propri figli, affinché le decisioni di lungo periodo nelle urne possano avere un peso maggiore. Allo stesso tempo su questioni specifiche mi piacerebbe vedere dei referendum popolari come in Svizzera. I personality-show privi di contenuto messi in scena durante le campagne elettorali sono controproduttivi.

Siamo ancora nel pieno della crisi Euro. Che cosa ha l'Euro di diverso da un'altra moneta? Anche lei pensa che potremmo dire addio all'Euro?

Naturalmente la Germania puo' sopravvivere anche senza l'Euro. Gli scenari horror ipotizzati in caso di uscita sono esagerati. In particolare non è vero che l'industria dell'export collasserebbe. Un po' di rivalutazione farebbe bene alla Germania, perché il vantaggio di una riduzione dei prezzi dell'import sarebbe piu' importante rispetto agli svantaggi legati ad un peggioramento del prezzo delle esportazioni. La Bundesbank poi potrebbe evitare un forte apprezzamento del nuovo Marco acquistando titoli esteri con la propria moneta, come sta facendo la banca centrale svizzera. Questi titoli prenderebbero il posto degli attuali saldi Target, crediti che di fatto non hanno alcun valore. Da un punto di vista tecnico ci sarebbero solo vantaggi. Tuttavia per ragioni politiche la Germania deve restare nell'Euro: l'Euro resta un progetto centrale per l'integrazione europea. Inoltre, ritengo indispensabile tutelare i crediti verso l'estero delle nostre banche e assicurazioni e non da ultimo, non dobbiamo rinunciare ai crediti Target della Bundesbank. Se un paese non è piu' in grado di sostenere l'Euro perché ha perso competitività, sarebbe meglio lasciarlo uscire. La Germania dovrebbe smetterla di mantenere nell'Euro tali paesi alimentandoli con prestiti pubblici sempre maggiori  che di fatto non saranno mai rimborsati.

Come sarà l'Europa fra 5 anni? 

I sassi che ci verranno tirati addosso saranno sempre piu' grandi, se continueremo con questa politica. E' stato un grande errore violare il trattato di Maastricht e tenere la Grecia nell'Euro con prestiti, pari al 160 % del PIL, che non saranno mai rimborsati.  Questa politica ha aiutato le nostre banche e quelle francesi, e forse qualche ricco in Grecia, ma per le persone comuni ha significato disoccupazione di massa e disperazione. La Grecia avrebbe già da tempo superato la fase piu' difficile se nella primavera del 2010 avesse dichiarato l'insolvenza e fosse uscita dalla moneta unica. Si sarebbe liberata di buona parte del suo debito e con una Drachma svalutata avrebbe raggiunto una nuova competitività. La disoccupazione giovanile non sarebbe stata certo al 60% come oggi. Quello a cui assistiamo in Grecia è una tragedia per la gente del luogo, e la colpa per questa politica sbagliata ricade sui tedeschi, sebbene siano loro i principali contributori. Con questa politica ci stiamo impoverendo e allo stesso tempo ci attaccano usando le svastiche. Se la situazione nei paesi piu' grandi dovesse peggiorare, non potremmo mantenere la stessa politica usata in Grecia, perché le risorse non sarebbero sufficienti.

La Germania sembra il paese meno amato in Europa: troppo grande per restare nascosto, ma troppo debole per la leadership. Che cosa ne pensa un'economista?

Questo tema mi fa pensare continuamente. Sono al momento a Washington. La crisi europea qui è onnipresente. La Germania dovrebbe assumersi le proprie responsabilità e cercare soluzioni realmente sostenibili per la zona Euro. Soluzioni che possono risiedere solo in un sistema monetario piu' flessibile, a metà strada tra un sistema dei cambi fissi e una moneta nazionale come il dollaro. Mi immagino una unione monetaria aperta, da cui si possa uscire temporaneamente, se non si è in grado di far fronte alle difficoltà, e per fare cio' si possa contare sugli aiuti della comunità internazionale. Sono per un piano Marshall per la Grecia, ma solo dopo la sua uscita. E' una soluzione migliore e piu' conveniente rispetto all'erogazione di denaro fatta tramite le istituzioni comuni come la BCE, nelle quali non siamo sufficientemente rappresentati ma di cui siamo i principali finanziatori, e delle cui scelte siamo considerati  i principali responsabili.

Se lei confronta la Germania del 1989 e quella di oggi, quale è stato il cambiamento piu' importante?

La solidità finanziaria del nostro paese è andata perduta. I debiti pubblici nascosti e i rischi sono cresciuti massicciamente a causa di una Euro-politica sbagliata. Si avvicina inoltre il punto in cui i nostri babyboomer, che oggi sono verso la fine dei quaranta, vorranno andare in pensione senza pero' poter contare sul sostegno della generazione che li segue, a causa della loro bassa occupazione. Devo riconoscere che la politica ha cercato di contrastare questa tendenza introducendo un limite all'indebitamento in costituzione, e che in altri paesi la situazione è decisamente peggiore. Tuttavia vedo troppa contabilità creativa nei bilanci dello stato tedesco e nell'unione monetaria. In questo modo il peso che dovranno sopportare i nostri figli è solamente nascosto.

Ci stiamo muovendo verso la piena occupazione, in Europa la nostra flessibilità e il nostro mercato del lavoro causano ammirazione e invidia. Nel nostro paese invece lo slancio politico si sta riducendo. Secondo lei questo atteggiamento negli ultimi anni è cresciuto?

La Germania si trova a circa 3 milioni di posti di lavoro dalla piena occupazione. La disoccupazione oggi è 6 volte piu' grande rispetto ai tempi in cui io studiavo. A questo proposito mi permetta di esprimere qualche dubbio sulle sue affermazioni. E sicuramente vero che il mercato del lavoro va meglio rispetto a quasi tutti gli altri paesi europei. Abbiamo lavoro, ma a causa delle politiche europee mettiamo a rischio una parte sempre maggiore del nostro patrimonio, senza nemmeno rendercene conto. La crisi Euro è un'esperienza di vita molto amara nei paesi del sud-Europa, che pero' si ripercuote su di noi. Non dobbiamo trasformare la società tedesca, ma la casa europea.

L'economista Sinn è un normale cittadino. Quale sarebbe il suo piu' grande desiderio?

Dovrebbe arrivare una fata, far sparire nell'aria l'intero Euro-disastro, far sparire la croce uncinata che nella mente di molti europei viene agitata contro di noi. Allora potrei tornare a dormire sonni tranquilli.





-->

7 commenti:

  1. "Con questa politica ci stiamo impoverendo e allo stesso tempo ci attaccano usando le svastiche"
    Poverini... ce l'hanno tutti con loro...

    RispondiElimina
  2. e' impressionante la pochezza del pensiero di questo signore qui riportato con banalita' espresse con 20 anni di ritardo...

    Non so se pensare che costui ci stia prendendo ancora per i fondelli ( quel suo " sono a washington" me lo fa pensare ) tanto per coprire ancora un po' la nostra inesorabile " marcia della morte", oppure pensare al contrario che costui scopra proprio ora, in " buonafede", che anche la germania alla fine "marcera' con noi " , a ennesima conferma che in politica la germania non impara mai nulla dai propri errori .

    RispondiElimina
    Risposte

    1. in verità non sarei cosi' severo con Sinn, perché in fondo sta dicendo che le politiche di austerità sono una stupidaggine e non possono funzionare. Di fatto sta dicendo che Merkel esegue gli interessi del mondo finanziario e industriale tedesco, e nel fare questo va contro gli interessi dei tedeschi. E' una posizione originale nel panorama tedesco....

      Elimina
    2. Infatti, Voci, la cosa impressionante è proprio quella: ci ritroviamo una classe politica più prona agli interessi del capitale tedesco di Hans Werner Sinn. Wunderbar!

      Elimina
    3. mi e' ben chiaro che la germania e' un " paese a sovranita' limitata" con una classe dirigente selezionata e controllata dall' occupante e quel " sono a washington" fa ben capire che anche sinn non si discosta dalla prassi.

      La colpa della germania e' quindi di avere accettato di buon grado di fare il kapo' del lager europa nella convinzione di riceverne un qualche premio, che in realta' e' solo "una doppia razione di pane con burro " che dura fino a che non verra' deciso altrimenti anche per il kapo' una volta diventato inutile .
      E una volta collassati economicamente tutti i vicini della germania nemmeno la germania sara' piu' utile , perche' " la marcia della morte " europea non riguardera' solo i popoli " maiali".

      Elimina
  3. Ciao voci un giorno i tuoi connazionali dovranno renderti merito per quello che fai.
    Trovo anche io che questo articolo non sia peggiore di tanti altri,anche se alla fine tutti ce l'hanno con la Germania cattiva.
    Trovo questo passaggio molto utile alla lotta al terrorismo della guerra fuori dall'€. "Naturalmente la Germania puo' sopravvivere anche senza l'Euro. Gli scenari horror ipotizzati in caso di uscita sono esagerati. In particolare non è vero che l'industria dell'export collasserebbe. Un po' di rivalutazione farebbe bene alla Germania, perché il vantaggio di una riduzione dei prezzi dell'import sarebbe piu' importante rispetto agli svantaggi legati ad un peggioramento del prezzo delle esportazioni."
    Resta da vedere come gli passi per la mente che i paesi possano fare dentro e fuori cambiando moneta come l'ombrello, piccolo passo positivo, ma continua a mentire laddove vuol far passare i cattivi del sud come colpevoli deoi danni in Germania e non il settore industriale e quello finanziario spallegiato da dei politici mediocri .

    RispondiElimina
  4. Un'intervista molto significativa. La franchezza di alcune risposte (la Germania fra cinque anni, il paragone con quella del 1989) è stupefacente.

    RispondiElimina