domenica 20 maggio 2018

Avvertimenti tedeski

Dalla Germania arrivano i primi avvertimenti verso il nascente governo italiano, sempre con un occhio alle elezioni bavaresi di settembre, dove una AfD tonica potrebbe superare una SPD sempre piu' in affanno. Del resto il sentiero per Frau Merkel e Herr Scholz è stretto, da un lato l'insostenibilità politica dell'unione di trasferimento, dall'altro l'impraticabilità, per ragioni politiche e storiche, dell'opzione uscita dall'euro. Per AfD si aprono autostrade elettorali. Da Handelsblatt.de


Il capogruppo della CSU Alexander Dobrindt commenta la formazione del governo italiano: "la nuova coalizione del debito in Italia è un avvertimento per tutta l'Europa. Il principio di stabilità dell'UE per noi non è negoziabile. La Germania non intende pagare il conto per il nuovo programma del debito italiano".

Il leader della FDP Christian Lindner invita la Cancelliera Angela Merkel a cambiare rotta. Poiché i populisti di destra in Italia vogliono allontanarsi dal corso di austerità seguito fino ad ora, Merkel da parte sua dovrebbe fare un riferimento alla responsabilità finanziaria dei singoli. "Invece di mettere sul tavolo un aumento delle garanzie tedesche per le banche italiane, dovrebbe invece mettere in chiaro che la Germania non accetta il ritorno ad una politica del debito", ha detto Lindner alla Bild.

Il leader di AfD Alexander Gauland chiede invece la fine ordinata della zona Euro. "Con una certa disinvoltura la già super-indebitata Italia vorrebbe continuare ad incrementare la spesa in maniera massiccia", ha detto Gauland in un comunicato stampa di sabato. "I piani del nuovo governo italiano mostrano in modo impressionante l'errore principale su cui si basa l'unione monetaria e del debito fondata appunto su una messa in comune delle garanzie".

Nessun commento:

Posta un commento