domenica 3 giugno 2012

Crollano le esportazioni verso il sud Europa

Lo Statistisches Bundesamt ha recentemente pubblicato i dati sul commercio estero tedesco del primo trimestre. Come previsto crolla l'export verso il sud-Europa, ma cresce quello verso le altre aree del mondo. Restano intatti i giganteschi avanzi commerciali.
L'export tedesco nel primo trimestre 2012, rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente è cresciuto del 5.8% raggiungendo i 276 miliardi di Euro. La crescita verso i 26 paesi membri dell'Unione Europea è stata del 2.2% (a 161.2 miliardi), relativemante debole. La crescita verso i paesi dell'Eurozona è stata con uno 0.9% ancora piu' debole. Con grandi differenze fra i paesi partner. Sono così cresciute le esportazioni verso i vicini come la Francia (+6.7% a 27.3 miliardi di Euro), Olanda (+9.6 % a 18.5 miliardi di Euro ), Austria (+5.5 % a 14.9 miliardi di Euro). Allo stesso tempo sono invece diminuite le esportazioni verso i paesi del sud come Italia (-7.6% a 14.9 miliardi di Euro), Spagna (-7.8% a 8.4 miliardi di Euro), Portogallo (-14% a 1.7 miliardi di Euro) e Grecia (-9.8% a 1.2 miliardi di euro).

L'export verso i paesi extra UE è cresciuto dell'11.2% (raggiungendo i 114,8 miliardi di euro),  piu' di quanto abbiano fatto le esportazioni in generale. Le esportazioni verso gli Stati Uniti sono cresciute nel primo trimestre 2012 del 21.4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Forte crescita delle esportazioni verso la Russia con un +17.5% (a 8.6 miliardi di Euro), Giappone con un +18.4% (a 4.3 miliardi di Euro), Corea del sud con un +17.% ( a 3.3 miliardi di Euro) e Brasile con un 15.6% (a 3.0 miliardi di Euro).

Le importazioni tedesche sono cresciute nel primo trimestre del 4.7 % (a 230,5 miliardi di Euro). Le importazioni dagli stati membri EU sono cresciute del 5.6% (a 129.8 miliardi ) piu' rapidamente di quanto abbiano fatto le importazioni tedesche in generale. Le importazioni dall'Eurozona sono cresciute del 4.6%.

Per la crescita delle importazioni sopra la media sono responsabilil le importazioni dall'Olanda con un +8.6% (a 21.6 miliardi), dall'Italia con un +8% (a 12.5 miliardi di Euro) e dal Regno Unito con un +9.4% (a 11.6 miliardi). Molto sotto il trend le importazioni dalla Francia con un +1.5% ( a 16.3 miliardi di Euro) e dalla Spagna con un +0.8% (a 6 miliardi di Euro).


1. trimestre 2012 1. trimestre 2011 Variazione percentuale rispetto al primo trim. 2011
Miliardi di Euro %
Totale esportazioni 276 260,9 5,8
di cui:
Verso la EU–27 161,2 157,7 2,2
verso l'Eurozona 107,4 106,5 0,9
di cui:
Francia 27,3 25,6 6,7
Olanda 18,5 16,9 9,6
Italia 14,9 16,1 – 7,6
Non Eurozona 53,8 51,3 4,9
di cui:
UK 18,1 16,8 8,2
verso Paesi extra EU 114,8 103,2 11,2
di cui:
USA 21,4 17,6 21,4
Giappone 4,3 3,6 18,4
Cina 16,7 15,8 6,1
Russia 8,6 7,4 17,5
Totale importazioni 230,5 220,1 4,7
di cui:
verso EU–27 129,8 122,9 5,6
verso Eurozona 86,7 82,9 4,6
di cui:
Francia 16,3 16,1 1,5
Olanda 21,6 19,9 8,6
Italia 12,5 11,6 8
Verso Non Eurozona 43 40 7,7
di cui:
UK 11,6 10,6 9,4
verso paesi Extra UE 100,8 97,2 3,7
di cui:
USA 12,5 12,1 3,3
Giappone 5,7 6 – 4,2
Cina 19 19,1 – 0,7
Russia 10,9 9,5 14,7

7 commenti:

  1. Ergo la Germania dovrebbe ed il più in fretta possibile, uscire dalla attuale area Euro, distruggendola in tal modo, e contestualmente crearne una nuova con moneta Euro (quella che c'è già) con i paesi dove ha aumentato le esportazioni e causare la rottura di Stati fasulli quali Italia, Belgio una parte dei quali, le regioni ancora sane e produttive, verrà aggregata.

    DEVE FARLO o sarà guerra civile in tutta Europa.
    Che l'Europa levantina crepi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luigi, onestamente spero non crepi nessuno, e mi auguro vivamente che prima di tutto i leader politici, in questi difficili momenti, sappiano mantenere la calma.

      Elimina
    2. Tranquillo...i tedeschi hanno sempre perso le loro guerre e perderanno anche questa.

      Elimina
    3. Anonimo se perdono i tedeschi perdiamo tutti.
      Se non creiamo un blocco politico-economico abbastanza esteso e solido questo continente precipiterà nel caos sociale oltre che nella miseria.

      Elimina
    4. Guarda che è grazie al "sottosviluppo" e alla criminalità organizzata del Mezzogiorno se il Nord Italia si è potuto sviluppare. Altrimenti sarebbe ancora parte dell'Impero Austro-Ungarico o dell'Impero tedesco e sarebbe povero come il Meridione. La Lombardia senza i soldi del sud non sarebbe competitiva contro la Baviera o la Renania, ignorante testa di cazzo

      Elimina
  2. I miei complimenti per il progetto del tuo blog. In questo contesto economico in cui la Germania sta ricoprendo un ruolo determinante è fondamentale avere un occhio verso le news dei media tedeschi. Davvero complimenti ;)

    RispondiElimina