domenica 22 aprile 2012

J'admire le modèle allemand...


"Sarkozy il tedesco", dopo aver perso la battaglia per l'egemonia sull'Europa presto perderà anche l'Eliseo. La sua ricetta era quella di copiare le dure riforme HARTZ IV e importare in Francia nuova povertà. Ma gli elettori non sembrano essere convinti. Da German-Foreign-Policy.com


La recente sconfitta francese contro la Germania per l'egemonia in Europa delinea l'attuale campagna presidenziale francese. Lo confermano i risultati di un'analisi che la Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik (DGAP) ha appena pubblicato. La conseguenza è che la parte conservatrice dell'establishment parigino si vede costretta a imitare in Francia la politica di deflazione salariale (Hartz IV) introdotta dal cancelliere Gerhard Schröder - a costo di aumentare la povertà nella società francese - per poter difendere l'economia francese dalla schiacciante concorrenza tedesca.

Altre alternative non sono possibili. Le battaglie per una soluzione della crisi attraverso un incremento della domanda interna, infatti, sono state perdute. Le politiche di risparmio vengono infatti rivendute dalla UMP agli elettori come il "modello tedesco". Non c'è alcun dubbio: sotto le richieste tedesche di austerità,  la Francia è diventata il "Juniorpartner" della " Germania, leader indiscusso dell'Europa".

Modello HARTZ IV

L'intensa attrazione esercitata dalla Germania sulla UMP, il partito del presidente uscente, secondo la ricerca DGAP, ha motivi economici: "il punto centrale resta l'andamento dell'economia". Già da un po' di tempo a Parigi ci si lamenta  che le imprese francesi non riescono piu' ad essere competitive nei confronti di quelle tedesche. Le riforme rosso-verdi (Hartz IV) hanno ampliato la povertà nella Repubblica Federale, ma hanno portato consistenti vantaggi alle imprese tedesche, mentre quelle francesi nello stesso periodo perdevano competitività. I tentativi degli ultimi anni di opporsi all'austerity tedesca con una politica di aumento della spesa e della domanda sono falliti. Le forze conservatrici francesi vedono ora come unica possibilità di superare la crisi quella di copiare il modello tedesco, per tentare di recuparare la competitività perduta, almeno nel lungo periodo. "Ciò che in Francia viene presentato come modello tedesco, corrisponde all'agenda 2010 del governo Schroeder", sostiene la DGAP. "I francesi lavorano meno dei tedeschi", si poteva infatti leggere in gennaio sulle prime pagine dei giornali economici francesi. "Oggi la Germania raccoglie i frutti dell'agenda 2010 " ribadiva l'amministratore di EADS Louis Gallois in marzo ad un incontro della DGAP: "Le esperienze tedesche ci devono ispirare". Che la povertà in Germania a causa delle riforme Hartz IV è fortemente aumentata e che la stessa cosa accadrà alla Francia, non lo dice però nessuno.

L'orientamento del presidente francese uscente e dell'UMP verso il modello tedesco è stato preparato sistematicamente dallo scorso anno. "La via tedesca di uscita dalla crisi" era il titolo di una pubblicazione bilingue, con la quale la sede parigina della fondazione Konrad Adenauer ha soddisfatto il desiderio crescente dei francesi di conoscere i segreti del modello tedesco. Nell'ottobre 2011 la prima delegazione della UMP è andata a Berlino, per poter preparare il programma con i vertici della CDU. 

Ma Sarkozy non è sempre stato filo tedesco, ci dice sempre la ricerca: nel 2007 si "era orientato molto di più agli USA e alla Gran Bretagna" e alla Germania invece si riferiva "sempre in relazione alla seconda guerra mondiale e al nazismo". Ma dopo le lunghe trattative sull'uscita dalla crisi Euro - da cui Parigi è uscita sconfitta - Sarkozy ha imparato a riconoscere "l'importanza dell'alleanza franco tedesca per l'integrazione europea". "Da "Sarkozy l'americano", come lui stesso amava definirsi, è diventato "Sarkozy il tedesco". E tuttavia, l'appiattimento sul modello tedesco, in Francia non è privo di polemiche. Nel partito socialista (PS) il "comportamento della Merkel è paraganato a quello di Bismarck", racconta sempre la ricerca DGAP. 

Leader e Juniopartner

Sui rapporti di potere che stanno alla base del nuovo orientamento verso la Germania della UMP e del passaggio da "Sarkozy l'americano" al "tedesco" si è pronunciato recentemente il Centro per gli studi politici dell'Universtità di Zurigo - in uno studio sullo sviluppo dell'Europa sotto la pressione dell'Eurocrisi. Nella ricerca si afferma che il governo federale tedesco nella discussione sulla soluzione della crisi ha imposto le proprie posizioni. Da allora è chiaro : la Germania è "il leader indiscusso europeo", la Francia viene invece declassificata al livello di Junior partner. Il centro studi svizzero riassume " Mai fino ad ora nella storia dell'unificazione europea si era visto un grado simile di superiorità di uno stato sugli altri".

Nessun commento:

Posta un commento