domenica 17 marzo 2013

Schieritz: il salvataggio di Cipro va nella giusta direzione


Mark Schieritz su Die Zeit giudica positivamente il salvataggio cipriota: non si poteva fare altrimenti, siamo ad una svolta. Di fatto in Germania nuovi salvataggi bancari esteri senza una partecipazione dei creditori privati sono ormai politicamente insostenibili.

L'accordo sul piano di salvataggio è stato attaccato da piu' parti. Come in ogni compromesso c'è qualcosa da criticare, ma io credo che la direzione presa sia quella corretta. Ecco i motivi:

1) Il principio di fondo della politica di salvataggio fino ad ora è stato: nessuno deve subire perdite. Per questo gli irlandesi hanno dovuto accollarsi i debiti delle loro banche. Io credo ci fossero dei buoni motivi. Il rischio contagio era molto grande. Ma una cosa è chiara: non si poteva andare avanti in questo modo, continuare a sborsare denaro per ogni piccola cassa di risparmio, solo perché si ha paura dei mercati finanziari.

2) L'UE oggi dispone di uno scudo di protezione migliore ed è attrezzata per le turbolenze

3) Perché non espropriare le banche (quindi i creditori bancari), invece dei risparmiatori? Risposta: perché a Cipro non ci sono obbligazionisti. Le banche cipriote si finanziano prima di tutto con i depositi. Jacob Funk Kirkegaard sulla base dei dati BCE ha evidenziato che le obbligazioni in circolazione sono solo l'1.8% del totale delle passività bancarie. Vale a dire: chi a Cipro vuole che le banche partecipino al salvataggio, deve coinvolgere i depositanti delle banche stesse.

4) Quanto è stato deciso a Cipro non è un Haircut, piuttosto una tassazione dei patrimoni. E non è scritto da nessuna parte che i patrimoni non possano essere tassati. Avrei preferito una soluzione un po' diversa: una franchigia per i piccoli risparmiatori e una maggiore progressività - e forse si sarebbero potute includere anche altre forme di patrimonio. Ma in linea di principio l'approccio è corretto.

5) Perché i detentori di titoli di stato non sono stati toccati? Lo si poteva naturalmente fare. Prima di tutto i titoli di stato sono detenuti dalle stesse banche cipriote, e il problema di fatto sarebbe solo stato rimandato. Secondo, sarebbe ripartito immediatamente il dibattito sulla sicurezza dei titoli di stato nell'Eurozona.

6) Nel caso di Cipro è stato riconosciuto - non da ultimo a causa delle pressioni del FMI - che non era solo una crisi di liquidità, piuttosto di solvibilità. Ne sarebbero risultate perdite, vale a dire distruzione di ricchezza e di patrimoni. Qualcuno doveva sostenerne i costi. E se non lo fanno i titolari dei depositi, lo dovranno fare i contribuenti.

7) Io credo che questa nuova consapevolezza influenzerà in maniera crescente la politica e che abbiamo raggiunto una nuova fase della crisi

8) I mercati lunedi' impazziranno? Non lo so, ho tuttavia la sensazione che non accadrà.

A tutti i miei critici indignati per il fatto che i titolari di depositi questa volta ci siano andati di mezzo: da dove sarebbe dovuto arrivare il denaro, se i contribuenti europei non potevano farsi carico di ulteriori garanzie? Come detto sopra non ci sono obbligazionisti bancari. Chi vuol far fallire le banche o far uscire Cipro dall'Eurozona, causa in ogni modo una riduzione di valore dei risparmi. Nel mondo reale devono essere prese decisioni, lamentarsi e basta non è una soluzione. 
-->

30 commenti:

  1. Vedrete che bel bank run europe ci attende!!! Bravi, bravi: è una German exit strategy o l'Euro è finalmente arrivata alla frutta?

    RispondiElimina
  2. a cipro lavate il denaro ed a francoforte lo stirate!!!
    Tedeschi, porci e bugiardi, nessuna attenuante !!!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. da oggi tutto il mondo saprà che l'Europa non è più un posto sicuro per investire o anche solo detenere capitali. Bel risultato!
    Naturalmente tutta l'Europa è insicura tranne la Germania, ma la Germania è ancora Europa?

    RispondiElimina
  5. Da un punto di vista politico non c'erano molte altre possibilità, la politica dei salvataggi in Germania è arrivata al limite della sua sostenibilità politica. Credo che d'ora in poi sarà la norma. almeno da qui alle elezioni politiche di settembre.

    RispondiElimina
  6. Mi sa che in un modo (salvataggi) o nell'altro (crolli di borsa) la cancelliera arriverà alle elezioni con le pile scariche. Del resto prima o poi gli errori e le non decisioni si pagano.

    RispondiElimina
  7. posso capire che gli eurosalvataggi non siano più sostenibili politicamente in Germania. Anche perchè la propaganda della cancelliera ha fatto credere che vengono salvati i paesi del sud europa, mentre in realtà vengono salvate le banche.
    L'insostenibilità politica è frutto della stessa politica di Merkel e della BuBa. Un cane che si morde la coda, come tanti altri aspetti di questa eurocrisi.
    Grazie per questo ottimo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli eurosalvataggi con ESM sono una farsa. Per esempio l'Italia deve versare 70 Mld Euro annui per sostenere anche il debito degli altri paesi. Facendo così sarà costretta a chiedere un prestito prima o poi. Per cui gioco delle tre carte per ammazzaredi debiti gli stati dell'UE. La Buba fà quello che deve fare in base alle caratteristiche dei suoi cittadini: purtroppo anche la Buba è in Europa e gli europei non sono come i tedeschi che accettano la diminuzione dello stipendio e delle condizioni di vita in cambio della stabilità della valuta. Capisco che l'iperinflazione faccia paura, ma siamo destinati ad una III Guerra Mondiale con tutta questa svalutazione competitiva sulle valute mondiali.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jorg, sono d'accordo con te e purtroppo c'è poco da ridere....
      auf wiedersehen :-)

      Elimina
    2. Eh già così.

      L'asimmetria teutonica è già in essere. E quindi sarà anche per quello che dici tu, Jorg.

      D'altronde:
      -Il caso della 24enne bulgara a cui viene rifiutato l'accesso alle tutele Hartz IV perchè 'non tedesca';
      -Il ragionamento su Lex Monetae sì/no se non penalizza i tedeschi, del 'fine pensatore' di un precedente post su questo ottimo blog;
      lo stanno già dimostrando.

      Elimina
  9. "I mercati lunedi' impazziranno? Non lo so, ho tuttavia la sensazione che non accadrà."

    OOOOHHH c'hai preso eh!?!?! A Fenomenomeno

    RispondiElimina
  10. ma quali creditori privati?
    i correntisti sono CLIENTI della banca, i creditori privati sarebbero gli obbligazionisti, che eventualmente dovrebbero subire i danni insieme ai possesori delle azioni.
    questo genio ha trovato i colpevoli della mala gestio bancaria i correntisti....

    postare questi articoli vuol dire avallarli nei loro contenuti, FURTO DI STATO LEGALIZZATO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Sembra che il PUD€ abbia a disposizione una duplice strategia di comunicazione via mezzi di massa:
      -a Nord riempire con una quantità abnorme di menzogne l'elettorato;
      -a Sud distrarre totalmente l'elettorato con quantità abnorme di altre menzogne.

      Il minino comune denominatore è NESSUN RAGIONAMENTO SOPRA. Tanto a Nord sono troppo eccitati per vedere la cosa nella giusta proporzione; mentre a Sud non sarebbero comunque in grado di farlo.

      Tristezza.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

    4. Nel caso greco c'era bisogno di una punizione perchè gli ellenici si erano macchiati della truffa sul bilancio pubblico. Dovevano espiare la colpa. Nel caso cipriota hanno fatto affari con gli evasori russi (e presumo anche tedeschi) ed hanno riciclato denaro. Nel dibattito pubblico tedesco erano colpevoli a prescindere, non c'era bisogno di una ulteriore discussione. Se avete la pazienza di leggere il vecchio post "l'Europa di Merkel", queste cose le trovate spiegate chiaramente. Ma tanto le sapete già...

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

    6. No, non hanno nessun diritto, ma sono in una posizione di forza, gli altri cercano di parare i colpi, e loro vanno avanti fino a quando non cadrà il castello di carte chiamato Euro. Molto spesso si commette il grande errore di sopravvalutare l'intelligenza e la lungimiranza dei leader tedeschi, che invece sono solo concentrati sulla prossima scadenza elettorale. Hanno usato per anni gli Eurodeboli solo per fare campagna elettorale interna, e ora si trovano prigionieri della loro menzogna. Angelina comincia a sentire la tensione: da un lato ci sono i socialdemocratici che faranno il possibile per metterla in difficoltà sui salvataggi europei (come in questo caso), dall'altro l'euroscetticismo montante degli anti-Euro. Nei prossimi mesi IMHO assisteremo ad altri numeri di questo genere. Angelina sui salvataggi Euro si gioca la rielezione, e le serve un po' di sangue dei risparmiatori e dei banchieri da portare davanti agli elettori, tutto qui. D'altronde cosa ti puoi aspettare dalla figlia di un pastore protestante, laureata in fisica, cresciuta nella DDR che esprime una leadership pastorale? Ma tu Jorg queste cose le leggi in tedesco, le sai meglio di me, non te le devo spiegare...

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

    8. Grazie per la bella testimonianza Jorg!

      perchè il bello del blog sono i commenti...

      Elimina
    9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    10. @Jorg

      D: "E secondo te i nipotini di Hitler hanno qualche diritto di giudicare e punire gli altri?"

      R: non è che ne abbiano diritto, ne hanno l'abitudine.

      Elimina
    11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  11. malimortacci sua! Spetta che lo fanno in Italia...

    RispondiElimina
  12. "8) I mercati lunedi' impazziranno? Non lo so, ho tuttavia la sensazione che non accadrà"

    E' la frase più bella. Addirittura ingenua. Testimone di una fede ancora più ottusa di quella che potevano vantare i funzionari del partito comunista della DDR.....

    Dall'ANSA di oggi:

    Il caso Cipro potrebbe riaccendere la crisi del debito nell'euro zona. E' il timore che fa crollare questa mattina le Borse del Vecchio Continente. L'Euro Stoxx cede l'1,63%, Milano e Madrid (-2,2%) sono le prime a piegarsi sotto il peso delle vendite. Londra cede l'1%, Parigi l'1,3% e Francoforte l'1,22%.

    LARS.

    RispondiElimina
  13. E' forse esagerato pensare che di Mark Schieritz ce ne siano stati molti negli anni '30-'40 ? Quanti di loro avranno giudicato positivamente la soluzione finale ?

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ma guarda che Schieritz è un'economista rispettato e un commentatore di punta della stampa progressista. Chi legge VDG da un po' di tempo sa che il ragazzo è capace di ottimi commenti. Diciamo che essere socialdemocratici in Germania di qeuesti tempi non è facile, ci si trova a difendere posizioni difficili...

      Elimina
    2. mi sembra che essere socialdemocratici non solo in germania e non solo di questi tempi significa dover difendere posizioni tutt'altro che socialdemocratiche :)

      Elimina
  14. Io invece è proprio su questo concetto di “punizione “ che dissento. Chi sono i tedeschi, o i burocrati di Bruxelles per decidere colpe e punizioni?
    Le conseguenze della “punizione” euro-tedesca in Grecia possono riassumersi nell'aumento dei suicidi, della malavita, nei malati privi di cure e nei bambini denutriti.
    E tutto questo nel cuore della “civile” europa (minuscolo voluto) che ha deciso a mente fredda di mandare in rovina un'intera società.
    Per come la vedo io, si tratta di un'altra Shoah, con un numero minore di vittime ma con la stessa lucida ed efferata determinazione.

    RispondiElimina