domenica 13 maggio 2012

Il ritorno dell'inflazione al 5 o 10%

La popolarissima Bild, il quotidiano piu' letto in Germania, ma anche il tabloid del trash, lancia l'allarme inflazione: il costo della vita aumenterà del 5 o 10 % e si mangerà salari e risparmi. Da Bild.de
Con quale velocità il nostro denaro sarà eroso?  L'ufficio federale di statistica corregge verso l'alto i dati sull 'inflazione di aprile.

Milioni di tedeschi preoccupati: l'inflazione ritorna.

Nei prossimi anni i prezzi saliranno molto piu' rapidamente di quanto non sia accaduto fino ad ora. E la nostra venerabile Bundesbank, il guardiano della stabilità dei prezzi, non vuole fare nulla per contrastare questa tendenza, considera l'inflazione gestibile!

Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann alla Bild: "L'obiettivo di stabilità per l'Eurozona è intorno al 2%. La Germania per molti anni è stata sotto la media. In considerazione delle buone prospettive economice e della bassa disoccupazione, potremmo per un periodo restare sopra la media".

Tradotto significa: invece di un aumento del 2% all'anno potremmo averne uno piu' alto. Oggi l'ufficio federale di statistica (Statistische Bundesamt) ha corretto i dati preliminari di uno 0.1% verso l'alto. Questo significa: i prezzi al consumo in aprile rispetto allo scorso anno sono cresciuti di piu' del 2%. Il tasso di inflazione da febbraio 2011 è costantemente sopra il 2%, dichiarano gli statistici.

Bild risponde alla importante domanda: perchè i prezzi crescono così alla svelta?

Perchè la BCE dall'inizio della crisi ha inondato i mercati con denaro a buon mercato, così ci dice il Prof. Stefan Homburg (Università di Hannover). Le banche prestano questo denaro ai propri clienti (ad es. aziende, consumatori) che in questo modo possono acquistare merci - facendo salire i prezzi.

Qual'è la minaccia?

Gli esperti ci mettono in guarda da una cosiddetta "inflazione Ketchup".

L'esperto Homburg: "come in una bottiglia di Ketchup, che viene agitata, all'inizio non esce nulla, ma poi tutto insieme arriva un grosso getto, che non è più possibile fermare". Significa: dopo una prima fase di calma, i prezzi salgono all'improvviso verso l'alto. Homburg avverte che la crescita dei prezzi potrebbe superare il 5%. Se la crisi Euro dovesse peggiorare, potremmo avere perfino un 10% di inflazione.

Chi ne sarà coinvolto?

I lavoratori: sono minacciati da aumenti contrattuali negativi! Un aumento salariale del 3% ad esempio sarebbe eroso completamente da un'inflazione al 5%

Pensionati: anche loro alla fine avrebbero meno in portafoglio. L'aumento previsto del 2.18% (Ovest) e del 2.26% (Est) - scomparirebbe completamente

Risparmiatori: il risparmio si restringe! Perderà valore. 

A quale velocità il risparmio sarà eroso?

Dipende, un esempio: con un 5 % di inflazione 1.000 Euro dopo 10 anni valgono solamente 614 €. Se i prezzi crescono del 10%, il valore rimanente è solamente di 386 €.

E' possibile fermare l'inflazione?

Il capo della Bundesbank Weidmann: "Il consiglio direttivo della BCE decide sulla politica monetaria. In quella sede sostengo sempre la stabilità della moneta nell'area Euro. Per questo ora è decisivo, che le autorità monetarie non si facciano trasportare dalla politica finanziaria. Se ci atteniamo ai nostri principi, non ci sarà alcun pericolo che l'inflazione possa sfuggire di mano".

Ci sono anche vincitori con l'inflazione?

Sì. Chi ha debiti (consumatori, proprietari di casa, stati) sarà felice - perchè anche i debiti con l'inflazione perdono una parte del loro valore. Homburg: "I paesi non riescono a controllare il loro debito con le sole le misure di risparmio. Con l'inflazione potranno liberarsi dalla trappola del debito".

Nessun commento:

Posta un commento