lunedì 30 aprile 2012

Ifo Institute: la domanda interna tedesca crescerà grazie al boom delle costruzioni


Secondo il prestigioso IFO Institute di Monaco, la crescita tedesca dei prossimi anni arriverà dalle costruzioni e non c'è alcuna bolla immobiliare in corso. Da Wirstschatswoche
Il settore delle costruzioni approfitta in maniera sempre piu' forte dell'Eurocrisi e potrebbe diventare il settore trainante della crescita economica tedesca.

"Il settore delle costruzioni in questo momento sta crescendo con grande slancio. La Germania trae vantaggio dal fatto che finalmente gli investitori tedeschi hanno deciso di investire in Germania, invece che all'estero" scrive il presidente IFO Hans Werner Sinn in un commento sulla Wirtschaftswoche. "La modifica nella destinazione degli investimenti è dovuta principalmente al fatto che le banche e le assicurazioni non si fidano piu' degli investimenti al di fuori della Germania ma preferiscono corteggiare i noiosi ma sicuri clienti del settore immobiliare". Il boom delle costruzioni e dell'immobiliare porta "ad una maggiore occupazione fra i lavoratori edili e da qui si espande a tutta l'economia interna tedesca. Questa è finalmente la tanto attesa crescita della domanda interna". 

Dopo che gli investimenti reali nelle costruzioni dal 1994 al 2009 erano caduti costantemente (in totale di un quarto), nel 2010 sono cresciuti del 2.2 % mentre nel 2011 addirittura del 5.8 %. I permessi di costruzione per i condomini nel 2011 sono saliti del 42.4 % rispetto all'anno precedente. 

Secondo Sinn al momento non ci sarebbe nessun rischio di una bolla sul mercato immobiliare "se consideriamo l'ancora basso prezzo degli immobili rispetto a quello degli altri paesi, sono preoccupazioni che non ci dovrebbero sfiorare" scrive sempre Sinn. Le previsioni di Werner Sinn sulla congiuntura tedesca "Ancora per molto tempo dovrebbe andarci meglio che ai nostri vicini europei".

2 commenti:

  1. Siamo sicuri che sia solo domanda interna? Comunque penso che favorire il mercato interno è sempre una buona scelta. Magari tornassimo noi a pensarci.

    Saluti.

    RispondiElimina
  2. Anche qualche anno fa in Spagna non c'era nessuna bolla immobiliare...ride bene chi ride ultimo.

    RispondiElimina